alluce valgo

In questo articolo, parliamo di alluce valgo, una patologia del piede che colpisce tantissime persone, soprattutto le donne (non a caso, circa il 40% delle donne fra i 30 e i 40 anni ne soffre).

Rispondi un attimo a queste domande: provi dolore all’avampiede mentre cammini? Non riesci a mettere le scarpe o a tenerle per troppo tempo? Noti un gonfiore alla base laterale dell’alluce?

Se la risposta è sì, probabilmente soffri anche tu di alluce valgo e se stai leggendo questo articolo, probabilmente hai già individuato il problema.
Non preoccuparti, i rimedi ci sono e in questo articolo ti indicherò tutti i più efficaci.

Cercherò anche di spiegare in modo chiaro e semplice che cos’è l’alluce valgo, quali sono i sintomi e soprattutto come riconoscerlo con una semplicissima autodiagnosi; come ti dicevo prima, inoltre, mi piacerebbe dirti quali sono i rimedi super efficaci che consiglio sempre ai miei clienti e che possono alleviare il dolore ai piedi causato dall’alluce valgo.

Non voglio certo sostituirmi ad un ortopedico o a un podologo, ma il mio lavoro mi ha portato spesso ad affrontare questa patologia e l’ho studiata molto bene per poter proporre rimedi e soluzioni davvero efficaci.

Ma andiamo con ordine e iniziamo subito a dire cos’è l’alluce valgo, quali sono i suoi sintomi e le cause.

Cos’è l’alluce valgo

L’alluce valgo, conosciuto anche come cipolla al piede, è una deformità della parte anteriore del piede, appunto, che consiste in un piegamento dell’alluce verso le altre dita, che causa a sua volta una sporgenza laterale in corrispondenza della testa del metatarso.
Ti mostro anche una foto che sicuramente è più chiara di qualunque definizione di alluce valgo io possa darti.

alluce valgo sintomi

Oltre alla sporgenza, molto spesso compaiono anche una brutta infiammazione della borsa mucosa alla base dell’alluce, che prende il nome di borsite, e forti dolori alle altre dita del piede, che prendono il nome di metatarsalgia.

Come ho già detto, sono le donne a soffrire maggiormente di alluce valgo, ma perché e quali sono le cause di questa deformazione delle ossa?

Vediamo ora tutte le cause e i sintomi dell’alluce valgo.

Alluce valgo: sintomi e cause comuni

I sintomi dell’alluce valgo sono abbastanza riconoscibili, le cause di questa deformazione, invece, non sono proprio chiarissime.

Sicuramente le scarpe alte e con la punta stretta anche se non sono propriamente una causa diretta dell’alluce valgo, sicuramente contribuiscono ad aumentare dolore e infiammazione dell’alluce, quindi è bene comunque fare attenzione al tipo di calzature che si indossa.

Un’altra potenziale causa è il piede cavo, quello con un’arcata plantare più accentuata e che causa un peso maggiore sulla parte anteriore del piede, una cattiva postura e quindi l’insorgere della cipolla al piede.

C’è poi da considerare anche la trasmissione ereditaria: alcune caratteristiche genetiche possono facilitare la comparsa dell’alluce valgo come leggera deformazione dell’osso.

Infine, ma non per importanza, l’artrite reumatoide (conosciuta anche come gotta) è un’altra delle cause possibili dell’alluce valgo, ma può anche rappresentarne una conseguenza.

E ora, passiamo ai sintomi.

Come ho già detto, se le cause sono abbastanza labili, i sintomi dell’alluce valgo sono davvero facili da riconoscere.

Il primo è il dolore al lato dell’alluce che si espande per tutto l’avampiede.

Il secondo è la deformazione dell’osso alla base del metatarso che crea una sporgenza e un gonfiore molto evidente (oltre che dolorosa). Ecco un altro motivo per il quale l’alluce valgo si chiama anche cipolla del piede.

Infine, non è raro che si presentino sintomi come infiammazione, rossore e intorpidimento della parte interessata.

Conseguenze dell’alluce valgo

Prima di vedere i rimedi più efficaci, vorrei soffermarmi brevemente sulle conseguenze dell’alluce valgo. Se il dolore è forte, hai sicuramente più voglia di trovare la soluzione, ma se l’infiammazione non è particolarmente accentuata, potresti ritrovarti a trascurare il tuo alluce valgo e le conseguenze non sono proprio piacevoli.

Nel migliore dei casi, l’alluce valgo compromette la postura perché fa appoggiare male il piede e può creare squilibri alle ossa di bacino, gambe e schiena, fino a dar vita a malformazioni e postura errata.

Queste conseguenze non le percepisci subito, ma nel tempo e senza accorgertene ti ritrovi con problemi ben più gravi di un alluce valgo infiammato.

Nel peggiore dei casi, l’alluce valgo causa metatarsalgie, una sovrapposizione del secondo dito sull’alluce oppure un grado di infiammazione tale (borsite) che potrebbe ulcerarsi e infettarsi.

Ecco perché è importante risolvere subito il problema dell’alluce valgo, ma anche provare a prevenire questa deformazione con alcuni consigli che vedrai alla fine di questo articolo.

Nel frattempo, ti indico i rimedi dell’alluce valgo che tantissimi miei clienti hanno adottato con successo.

Tutti i rimedi per l’alluce valgo

Sai bene che è da sciocchi non capire quanto è importante tenere sotto controllo l’alluce valgo e qui di seguito troverai una serie di suggerimenti su come curare l’alluce valgo in maniera efficace.

Per alleviare il dolore causato dallo sfregamento del gonfiore laterale con le scarpe, ci sono due tipologie di prodotti:

  • analgesici e antidolorifici;
  • protezioni per la cipolla al piede.

Nel primo caso, si potrebbero assumere farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS), come l’ibuprofene (es. Moment, Brufen, Ibuprofene generico, Diclofenac), per alleviare il dolore e analgesici topici come creme e pomate che vengono vendute da banco e sono più lenti nell’assorbimento, ma efficaci se il dolore non è fortissimo. Ad ogni modo, prima di assumere farmaci di qualunque tipo, ti consiglio di chiedere al tuo medico per scongiurare eventuali allergie e capire se puoi prenderli senza rischi.

I rimedi per alluce valgo che puoi usare senza rischi o dopo aver calmato il dolore acuto eventualmente con i farmaci, sono le protezioni.

Ecco quelle più utili e usate da chi soffre di alluce valgo:

  • una protezione anatomica in gel che riduce il dolore, ammortizza gli urti ed evita lesioni laterali;
  • una fasciatura per alluce valgo, in gel rivestita in cotone elastico e con elementi ammortizzanti, che avvolge e aderisce alla parte anteriore del piede per donare protezione contro gli urti laterali e sollievo al dolore.

Ecco i prodotti di cui ti ho appena parlato, guarda come si applicano e in che modo queste fasce per alluce valgo possono alleviare il dolore.

fasciatura alluce valgo tutore

TUTORE PER ALLUCE VALGO

Fasciatura tutore per alluce valgo: allevia il dolore e impedisce le infiammazioni causate dallo sfregamento contro la scarpa.

correttore alluce valgo

CORRETTORE PER ALLUCE VALGO

Correttore in gel per alluce valgo: ammortizza gli urti tra la sporgenza dell’alluce e la scarpa, allevia dolore e infiammazioni.

Un altro rimedio è il divaricatore per alluce valgo, un separatore dita in morbido gel polimerico per appunto separare le dita dei piedi e alleviare il dolore causato dal loro sfregamento. In buona sostanza, è un piccolo cuneo in gel che deve essere sistemato tra l’alluce e il primo dito per tenerli separati ed evitare la loro sovrapposizione.

Ecco anche il terzo rimedio di cui ti ho appena parlato.

fasciatura alluce valgo tutore

DIVARICATORE ALLUCE VALGO

Divaricatore separa dita: impedisce l’accavallamento tra l’alluce valgo e le altre dita del piede e allevia il dolore causato dallo sfregamento delle dita.

Naturalmente, questi prodotti non correggono l’alluce valgo, ma offrono solo delle soluzioni che evitano il dolore se utilizzati in maniera costante.

I rimedi naturali per l’alluce valgo funzionano

Sfatiamo un mito: i rimedi naturali non curano l’alluce valgo, non lo correggono, ma sono solo palliativi che possono ridurre momentaneamente il dolore causato dalla cipolla.

So che potresti non essere d’accordo con quello che ho appena detto, ma la verità è che trattandosi di una deformazione delle ossa, i rimedi della nonna, così come massaggi ed esercizi che tanti consigliano, purtroppo non possono farci niente se non offrire un sollievo temporaneo dal dolore e dal rossore.

Per completezza, però, ti dico comunque quali sono i rimedi naturali per l’alluce valgo più comuni:

  • impacchi con ghiaccio, non direttamente sulla pelle del piede, attenzione, ma avvolto in un panno o in un asciugamano;
  • pediluvi con oli essenziali (lavanda, rosmarino) che possono calmare il dolore e l’infiammazione del piede;
  • creme a base di arnica o impacchi di argilla, che hanno rispettivamente un’azione analgesica e antinfiammatoria (anche l’olio di ricino dicono abbia un forte potere antinfiammatorio e di stimolazione della circolazione).

Intervento alluce valgo: quando operare

Una domanda che si pone spesso chi soffre di alluce valgo riguarda l’intervento chirurgico: quando è necessario operare l’alluce valgo?

La risposta più comune è: sempre, se vuoi correggere definitivamente questa deformazione delle ossa e riportarla alla forma normale.

In realtà, anche il medico ti consiglia l’intervento chirurgico quando l’alluce valgo è calcificato e ti provoca un dolore tale che ti rende difficile, se non impossibile, camminare.

Non entro nel merito dell’intervento per correggere l’alluce valgo, perché non sono un chirurgo, ma posso dirti che ne esistono di diverse tipologie, anche non troppo invasive, e devono essere considerate in base all’età, all’occupazione, allo stile di vita, alle aspettative e alla gravità dei sintomi.

Le percentuali di successo sono molto alte (circa l’85%) e il decorso post operatorio solitamente dura circa 10 giorni. Prima di poter nuovamente indossare scarpe comode, però, i dottori consigliano di far passare almeno 30 giorni e per indossare i tacchi, nel caso delle donne, circa 90 giorni.

Le complicanze post operatorie sono molto rare e dipendono da diversi fattori; in questo, un chirurgo ortopedico può sicuramente aiutarti più di quanto possa fare io.

Quello che posso dirti è che prima di arrivare a considerare l’intervento per eliminare completamente l’alluce valgo, prova i rimedi di cui ti ho parlato prima, è molto probabile che tu riesca ad alleviare il dolore e risolvere il problema (pur senza eliminare completamente la cipolla al piede).

Come riconoscere l’alluce valgo: una semplice autodiagnosi

Riconoscere l’alluce valgo è molto semplice, sia con un’autodiagnosi, sia con una radiografia.

Non è difficile riconoscere l’alluce valgo, basta guardare il tuo piede e controllare se:

  • il primo metatarso (la base dell’alluce) sporge dal piede verso l’interno;
  • il rigonfiamento è arrossato (potrebbe avere il tipico colore della cipolla, altro motivo per cui alluce valgo è anche detto cipolla piede);
  • provi dolore in corrispondenza del gonfiore quando indossi qualunque tipo di scarpa.

La visita specialistica con una radiografia da fare in posizione eretta (in piedi) resta però indispensabile anche per capire il grado di valgismo (l’angolo della deformazione) e la distribuzione del carico di peso sul piede.ede e il grado di compromissione dell’alluce.

Consigli per la prevenzione ultimo capitolo

Abbiamo parlato di come curare l’alluce valgo, ora vorrei chiudere questo articolo con 3 consigli utili su come prevenire l’alluce valgo ed evitare che compaia (fermo restando la componente ereditaria e reumatologica che hai letto prima):

  1. Alterna le scarpe: non usare sempre scarpe con la punta troppo stretta o scarpe con il tacco troppo alto o troppo basso;
  2. Evita il sovrappeso, soprattutto se fai attività che ti costringono a stare in piedi per molto tempo (evita anche di stare in piedi per lunghi periodi, se puoi);
  3. Usa subito la fascia o il separatore per alluce valgo in gel quando senti che il dolore inizia a manifestarsi e avverti anche visivamente l’insorgere di una leggera cipolla al piede, così blocchi sul nascere l’infiammazione.

Ecco, sull’alluce valgo è tutto quello che ho appreso dalla mia esperienza e dallo studio dei problemi del piede, ti sono state utili queste informazioni?

Spero davvero di si, ma se hai bisogno di altri suggerimenti, commenta questo articolo e ti risponderò volentieri.

Commenta questo articolo
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Orazio Del Vecchio

Ciao, sono Orazio. Insieme a mio padre, Gerardo, e ai miei fratelli, Luca, Emanuele e Francesco, gestiamo La Bottega del Calzolaio, l'azienda di famiglia che è nata nel 1916. Sono sposato e papà di due meravigliosi bambini, che spero seguiranno le mie orme, come ho fatto io con mio padre. La Bottega del Calzolaio conta oggi 5 punti vendita sparsi sul territorio e un negozio online fornitissimo di prodotti per la cura della scarpa, la cura del piede e cinture da uomo artigianali, di nostra produzione. Tra un lavaggio a secco e una rigenerazione di colore, cerco sempre di ritagliarmi il tempo per scrivere del mio lavoro e darti consigli su come prenderti cura delle tue scarpe e come trattare i tuoi piedi. Se hai bisogno di me, lasciami un messaggio o commenta gli articoli, sarò felice di risponderti! 😉

Altri articoli - Acquista i prodotti su La Bottega del Calzolaio

Seguici su:
TwitterFacebookPinterestYouTube