come eliminare spina calcaneare

Oggi ti parlo della spina calcaneare, di che cos’è veramente e di come puoi alleviare il dolore che non ti dà tregua da quando ti alzi la mattina fino a quando vai a letto la sera.

Sicuramente hai fatto già qualche ricerca e letto altri post, ma se stai leggendo anche questo, non hai trovato quello che stavi cercando oppure i rimedi che ti hanno proposto non ti hanno aiutato; spero di fornirti le risposte giuste.

Intanto ti dico che ho pensato di scrivere della spina calcaneare o sperone calcaneare perché sempre più persone soffrono di questo problema nella zona sotto al tallone e mi scrivono per chiedermi consigli su quali prodotti usare per eliminarla.

La spina calcaneare, chiamata anche spina calcagnare o spina calcarea oltre a sperone, purtroppo è invalidante quando si infiamma, perché causa una forte tallonite e dolori ogni volta poggi il piede per camminare.
Pensa che circa 1 persona su 4 ne soffre, soprattutto chi è in età avanzata o sovrappeso.

Ma andiamo per gradi e lasciami dire che cos’è veramente la spina calcaneare o sperone calcaneare (li userò come sinonimi), senza spaventarti, però, perché non è assolutamente grave.

Che cos’è la spina calcaneare e come riconoscerla

La spina calcaneare è, letteralmente, un osteofita, ovvero una sporgenza dell’osso simile ad un artiglio o una spina di rosa rivestita di cartilagine che si forma generalmente in prossimità delle articolazioni e nelle zone più soggette a trazione e stress, come, appunto, il tallone.

Lo sperone calcaneare, non spaventarti, è quindi una sorta di tumore benigno dell’osso, chiamata letteralmente esostosi, una parola apparentemente complessa che indica semplicemente tutte le possibili escrescenze ossee che possono generarsi sulla superficie di un osso.

Esistono due tipi di spina calcaneare: inferiore e posteriore, la prima è la sporgenza che si forma sotto al tallone, proprio nel punto in cui inizia la fascia plantare (banalmente l’arcata del piede), mentre la seconda si trova quasi in corrispondenza del tendine di Achille ed è chiamata generalmente morbo di Haglund, identificabile anche ad occhio nudo.

Io mi concentrerò principalmente sul primo tipo.

Dunque, come si riconosce la spina calcaneare?

La diagnosi è molto facile: in una prima fase basta saperne riconoscere i sintomi, poi, per essere sicuri al 100% occorre sottoporsi ad una accurata visita dall’ortopedico e una radiografia al piede che evidenzia o meno la presenza di una protuberanza più o meno accentuata in corrispondenza del calcagno (la spina calcaneare).

I sintomi dello sperone calcaneare

Quando ti alzi al mattino e poggi i piedi a terra senti un dolore atroce al tallone?

Il dolore scompare quando torni a letto la sera o se non fai pressione sui piedi?

Non cambi spesso le scarpe che indossi?

Hai mal di schiena frequente?

Se hai risposto sì a tutte le domande o almeno a tre di queste, molto probabilmente hai la spina calcaneare.

Il sintomo più caratteristico dello sperone o spina calcaneare, infatti, è il dolore al piede, acuto e lancinante, particolarmente forte al risveglio mattutino o dopo aver trascorso molto tempo in posizione eretta.

Questa fitta al tallone la mattina è una conseguenza dell’accorciamento della fascia plantare, che ha luogo durante il riposo notturno per effetto della posizione assunta dalle dita dei piedi.
Al risveglio, i movimenti dei piedi richiedono un allungamento della fascia plantare e ciò comporta, laddove la fascia plantare sia infortunata, la comparsa di una fastidiosa sensazione dolorosa.

Il dolore può essere intermittente durante la camminata o cronico e spesso può accompagnarsi ad un senso di indolenzimento nella zona del tallone e ad un dolore generalizzato alla pianta del piede.

Solitamente il dolore scompare fuori carico, cioè quando non c’è alcun peso sul tallone.

Ti riconosci nei sintomi? Allora prosegui nella lettura perché ti dico quali sono le cause e finalmente anche i rimedi.

Le cause principali della spina calcaneare

Spesso la spina calcaneare si presenta all’improvviso senza che tu abbia fatto qualcosa, altre volte, invece, si scatena a seguito di un’attività sportiva più o meno intensa.

Nei casi meno gravi, avverti il dolore la mattina, appena metti i piedi a terra e poi scompare durante la giornata; in situazioni più complesse, trovi sollievo solo quando ti rimetti a letto.

Ecco le cause più comuni che concorrono alla formazione della spina calcaneare:

  • scarpe scomode o inadatte, di scarsa qualità e quindi sprovviste di un supporto adeguato per il tallone;
  • cause posturali, in parole semplici una postura scorretta che causa un maggior peso sul tallone e un eccessivo stress per i legamenti che si trovano in prossimità del calcagno;
  • attività sportiva (es. jogging, corse, basket, calcio), soprattutto quando viene svolta su superfici molto dure o allenamenti inadeguati;
    sovrappeso o obesità,
  • età avanzata, poiché l’invecchiamento comporta una riduzione della flessibilità della fascia plantare e un assottigliamento del cuscinetto situato sotto al calcagno;
  • malattie infiammatorie come artrite, spondilite, iperostosi scheletrica;
    diabete o malattie reumatiche che alterano il metabolismo osseo;
    trascorrere molte ore del giorno in piedi (es. a causa del lavoro);
  • malformazioni del piede come il piede piatto o piede cavo;
  • sesso femminile, la spina calcaneare colpisce con maggiore frequenza le donne, probabilmente a causa dell’utilizzo di calzature meno confortevoli per il piede.

Devo precisare però che spesso è la combinazione di alcuni di questi fattori a causare la spina calcaneare e non uno solo nello specifico.

Ora che è più chiaro che cos’è e quali sono le cause dello sperone calcaneare, passiamo a vedere quali sono i rimedi più comuni ed efficaci.

I rimedi della spina calcaneare

Esistono due tipologie di rimedi alla spina calcanere: il trattamento conservativo, che mira ad alleviare il dolore e l’infiammazione del calcagno e il trattamento chirurgico, che invece interviene quando il primo fallisce ed è necessario eliminare la spina calcanerare con un intervento.

Come curare la spina calcaneare con il trattamento conservativo

La terapia conservativa prevede una serie di accorgimenti non chirurgici ed è solitamente il primo passo per curare lo sperone calcaneare. Anche se non elimina la sporgenza, in tantissimi casi, riesce a risolvere il problema e ad eliminare il dolore.

Sicuramente, la prima cosa che devi fare è prenderti un periodo di riposo dalle attività che possono aumentare il dolore (corse, sport, ecc.), abbinare un antidolorifico nel caso un cui il dolore sia insopportabile (es. paracetamolo o ibuprofene, prevalentemente, sempre consultando il tuo medico per verificare eventuali allergie ai farmaci) oppure usare la crioterapia, cioè l’applicazione di ghiaccio sulla zona del calcagno che aiuta a lenire la sintomatologia dolorosa e riduce l’infiammazione.

Altra cosa che devi assolutamente considerare è l’utilizzo di scarpe comode e adatte al tuo piede (se sei una donna, evita per un po’ i tacchi altissimi, almeno fino a quando non scompare l’infiammazione).

Infine, per ridurre il dolore durante la camminata, ma soprattutto per evitare che la sporgenza prema contro la scarpa, usa appositi alzatacchi per la spina calcaneare nelle calzature di tutti i giorni e non solo.

Anche gli ortopedici consigliano l’uso di talloniere ammortizzanti specifiche per la spina calcaneare che prevengono l’urto e la pressione durante la camminata, migliorano la postura e non sovraccaricano il tallone.

Se vuoi, qui di seguito, ti consiglio la talloniera per spina calcaneare che scelgono i miei clienti e con cui si trovano molto bene.

talloniera per spina calcaneare

TALLONIERA PER SPINA CALCANEARE

Questa talloniera per spina calcaneare è progettata proprio per alleviare il dolore causato dallo sperone calcaneare: rimuovendo l’apposito anello e si crea un’area protettiva per la zona infiammata del tallone. Ogni talloniera è autoadesiva per evitare che possa muoversi e si adatta a scarpe da uomo e da donna.

Rimedi chirurgici per la spina calcaneare

La terapia chirurgica per la spina calcaneare comprende la rimozione della sporgenza con un intervento. Il decorso post operatorio è piuttosto lungo ed è facile che si riformi lo sperone, ecco perché la via chirurgica dovrebbe essere presa in considerazione solo nei casi molto gravi.

Alcuni ti consiglieranno anche la terapia con le onde d’urto, che hanno il compito di tentare la rottura della spina calcaneare in eccesso o comunque di elasticizzare settorialmente il legamento longitudinale, la tecarterapia, laserterapia, ultrasuoni e ionoforesi.

Non entro nel dettaglio, so che sono terapie efficaci nel tempo, ma di sicuro occorre molto tempo prima perché tu riesca a vedere risultati.

Altri trattamenti fisioterapici, prima di tentare la strada della rimozione chirurgica, sono i massaggi e lo stretching settoriale dei muscoli del piede e della parte posteriore della gamba.

Come ti dicevo, non sono un medico, quindi per questi ultimi casi, ti consiglio di rivolgerti ad un ortopedico o un chirurgo.

Rimedi naturali per la spina calcaneare

Non esistono rimedi naturali per eliminare la spina calcaneare, puoi solo provare a ridurre l’infiammazione se proprio non vuoi assumere farmaci antinfiammatori.

Prova con dei pediluvi con due bicchieri di argilla verde ventilata o degli impacchi di argilla assoluta da ricoprire con un panno e lasciar seccare per circa 30 minuti prima di risciacquare. L’argilla agisce come antinfiammatorio naturale, così come alcune creme a base di arnica montana, che rilassano la muscolatura ed sono un naturale antidolorifico. Alcuni alimenti, poi, possono essere usati come antinfiammatori, in particolare curcuma e ribes nigrum.

Commenta questo articolo
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Orazio Del Vecchio

Ciao, sono Orazio. Insieme a mio padre, Gerardo, e ai miei fratelli, Luca, Emanuele e Francesco, gestiamo La Bottega del Calzolaio, l'azienda di famiglia che è nata nel 1916. Sono sposato e papà di due meravigliosi bambini, che spero seguiranno le mie orme, come ho fatto io con mio padre. La Bottega del Calzolaio conta oggi 5 punti vendita sparsi sul territorio e un negozio online fornitissimo di prodotti per la cura della scarpa, la cura del piede e cinture da uomo artigianali, di nostra produzione. Tra un lavaggio a secco e una rigenerazione di colore, cerco sempre di ritagliarmi il tempo per scrivere del mio lavoro e darti consigli su come prenderti cura delle tue scarpe e come trattare i tuoi piedi. Se hai bisogno di me, lasciami un messaggio o commenta gli articoli, sarò felice di risponderti! 😉

Altri articoli - Acquista i prodotti su La Bottega del Calzolaio

Seguici su:
TwitterFacebookPinterestYouTube